Lo Stress Ossidativo

Da martedì 31 luglio 2018 il prof. Eugenio Luigi Iorio, ogni ultimo martedì del mese riceverà la gentile Clientela per la valutazione dello “Stress Ossidativo”. Per appuntamento telefonare al CUP Bios 06 809641.

ANTIOSSIDANTI CONTRO RADICALI LIBERI
LA PARTITA SI GIOCA A LIVELLO CELLULARE

Fonti e testi: Prof. Eugenio Luigi Iorio 


CHE COSA È LO STRESS OSSIDATIVO?

Stress Ossidativo

Lo stress ossidativo è una particolare forma di stress non emotivo ma “biochimico”, scatenato, nel nostro organismo, da un aumento eccessivo dei livelli di radicali liberi (e di altri ossidanti).

In realtà, anche in condizioni ottimali di salute, le nostre cellule producono continuamente radicali liberi, per difendersi dalle infezioni e per comunicare meglio tra loro, ma a concentrazioni che sono mantenute costantemente basse dall’azione neutralizzante degli antiossidanti.

Ne deriva che lo stress ossidativo è sempre espressione di uno “squilibrio biochimico” riconducibile a un aumentata produzione di radicali liberi e/o a una ridotta quantità di antiossidanti.


QUALI SOLO LE CAUSE DELLO STRESS OSSIDATIVO?

Le cause dello stress ossidativo sono da ricercarsi sia all’esterno sia all’interno del nostro organismo.

Alcune di esse agiscono aumentando il livello di radicali liberi; altre, invece, depauperano il nostro patrimonio di antiossidanti.

Tra le più frequenti sono da annoverare:

  • l’esposizione incontrollata alle radiazioni UV;
  • l’inquinamento atmosferico;
  • il fumo di sigaretta;
  • l’abuso di bevande alcoliche;
  • le infezioni (specialmente quelle batteriche);
  • numerose malattie metaboliche, infiammatorie e degenerative;
  • alcuni trattamenti medici o chirurgici (es. assunzione di contraccettivi orali, radioterapia, dialisi, by-pass) e, più in generale, un cattivo stile di vita (es. diete sbilanciate, sedentarietà).

La rottura di un equilibrio


QUALI SONO LE CONSEGUENZE DELLO STRESS OSSIDATIVO?

Stress Ossidativo

Lo stress ossidativo, come una sorta di “ruggine”, può gradualmente “corrodere” le molecole vitali, con varie conseguenze sul benessere cellulare (dall’invecchiamento precoce a una serie di malattie), a causa di alterazioni strutturali e/o funzionali.

Le alterazioni funzionali consistono in “disturbi” nella comunicazione cellulare e in anomalie della risposta immunitaria nei confronti di agenti infettivi o cellule degenerate.

Le alterazioni strutturali dipendono dal bersaglio molecolare dei radicali liberi, e vanno, da un’abnorme permeabilità di membrana fino a mutazioni genetiche, se l’insulto ossidativo è a carico, rispettivamente, degli acidi grassi o di quelli nucleici (DNA).

Alterazioni strutturali e funzionali


COME SI MANIFESTA LO STRESS OSSIDATIVO?

Stress Ossidativo

Lo stress ossidativo non dà luogo a un proprio “quadro clinico”, ossia a sintomi e segni specifici, perché, purtroppo, non è una malattia, nel senso convenzionale del termine.

Esso può essere considerato, piuttosto, come un fattore di rischio per la nostra salute in grado di alterare in modo graduale e, spesso, subdolo, i meccanismi biochimici responsabili del benessere cellulare, fino ad accelerare il processo d’invecchiamento e scatenare una vera e propria malattia.

Si calcola che almeno 100 comuni patologie (dall’aterosclerosi al cancro) siano associate allo stress ossidativo, che, in alcuni casi, ne costituisce la causa, in altre l’effetto, celandosi, sempre, dietro ai loro sintomi, senza una propria identità.

Nessun quadro clinico specifico


COME SI STABILISCE SE SI È AFFETTI DA STRESS OSSIDATIVO?

Stress Ossidativo

Siccome lo stress ossidativo, come si è detto in precedenza, non dà luogo né a sintomi né a segni specifici, esso può essere solo sospettato sulla base della propria storia clinica. Per esempio, essere fumatori o in sovrappeso aumenta la probabilità di esserne affetti.

Sarà il medico, sulla base di una normale visita clinica, a stabilire la necessità di verificare l’esistenza o meno di una condizione di stress ossidativo attraverso l’esecuzione di specifici test di laboratorio.

Infatti, lo scenario nel quale s’inseriscono le eventuali alterazioni “ossidative” è quello cellulare o subcellulare, accessibile solo a tecniche d’indagine molecolare, molto più sensibili persino del più sofisticato microscopio elettronico.

Insufficienti le comuni analisi di laboratorio


QUALI SONO I TEST DI LABORATORIO PER LO STRESS OSSIDATIVO?

Lo stress ossidativo è sempre espressione di uno squilibrio fra radicali liberi (in eccesso) e antiossidanti (in difetto). Pertanto, per confermarne (o escluderne) l’esistenza, occorre sottoporsi ad almeno due test, ambedue su sangue: il d-ROMs test e il BAP test. FIl d-ROMs test (metaboliti reattivi dell’ossigeno) fornisce indicazioni sulla capacità ossidante e, quindi, sul livello di radicali liberi circolanti nel sangue, livello che deve essere mantenuto il più basso possibile.

Il BAP test (potenziale biologico antiossidante) fornisce indicazioni sulla quantità di antiossidanti prodotti dal nostro organismo o assunti dall’esterno e veicolati nel torrente circolatorio; i suoi valori vanno mantenuti possibilmente alti.

Solo test specifici consentono una “diagnosi”


PERCHÉ VALUTARE LO STRESS OSSIDATIVO?

Stress Ossidativo

La valutazione dello stress ossidativo, dopo la determinazione della temperatura corporea e la misura della pressione è, probabilmente, lo strumento più semplice ed affidabile per monitorare periodicamente lo stato di salute di qualsiasi persona.

Essa, infatti:

  • consente l’identificazione di alcune altrimenti non rilevabili variazioni metaboliche probabilmente responsabili di insidiose condizioni patologiche sub-cliniche, prima della loro comparsa, contribuendo in questo modo all’abbattimento dei costi sanitari già nell’immediato futuro (valore predittivo);
  • permette di acquisire preziosi ed altrimenti non identificabili dettagli riguardo la fisiopatologia delle più comuni malattie (>100) e, quindi, fornisce l’opportunità per personalizzare ed ottimizzare qualsiasi terapia, riducendo/evitando gli effetti collaterali indesiderati di numerosi trattamenti medici e chirurgici, con effetti nel complesso benefici e vantaggiosi per pazienti, famiglie e sistema sanitario;
  • fornisce l’opportunità per calibrare la dieta, l’attività fisica, qualsiasi suggerimento volto a migliorare lo stile di vita, ed eventuali trattamenti antiossidanti sulla base di uno strumento biochimico oggettivo, scientificamente validato, riducendo/annullando gli effetti collaterali indesiderati ed i costi personali/sociali di scelte terapeutiche incongrue.

Valutare lo stress ossidativo per prevenire


A CHI RIVOLGERSI PER MISURARE LO STRESS OSSIDATIVO?

Stress Ossidativo

La valutazione dello stress ossidativo, attraverso il d-ROMs test e il BAP test, è disponibile presso i Laboratori BIOS SpA di Roma, da sempre all’avanguardia nella Diagnostica Molecolare, ed i centri ad essi affiliati, distribuii sul territorio nazionale.

Il servizio, scaturito da una collaborazione con l’Osservatorio Internazionale dello Stress Ossidativo, prevede tre prestazioni di complessità crescente, quali:

  1. l’analisi dello stress ossidativo, con rilascio del normale referto;
  2. l’interpretazione dei risultati, alla luce di un parametro originale in grado di rapportare in maniera immediata la produzione di radicali liberi alle difese antiossidanti;
  3. un rapporto personalizzato di counseling, con suggerimenti specifici su come mantenere o recuperare un bilancio ossidativo ottimale, se alterato, attraverso modifiche dello stile di vita, approfondimenti diagnostici ed eventuali integratori nutrizionali.

Gli interessati possono richiedere la semplice analisi dello stress ossidativo a firma dei Laboratori BIOS SpA (punto a) oppure la sua integrazione con l’interpretazione dei risultati (punto b) e il rapporto personalizzato di counseling (punto c), a firma del dottor Eugenio Luigi Iorio, medico chirurgo, specialista in Biochimica e Chimica Clinica, presidente dell’Osservatorio Internazionale dello Stress Ossidativo.

Il nuovo servizio dei laboratori Bios SpA


CHI DOVREBBE SOTTOPORSI AI TEST PER LO STRESS OSSIDATIVO?

Stress Ossidativo

Tutti dovrebbero sottoporsi periodicamente alla valutazione dello stress ossidativo, quale misura di prevenzione primaria, anche se apparentemente in buone condizioni di salute, perché la diffusione di stili di vita non salutari, in un contesto socio-ambientale sempre meno rispettoso dell’Uomo e della Natura, rende tutti a rischio di alterazioni dell’equilibrio fra radicali liberi e antiossidanti.

A maggior ragione, in un’ottica di prevenzione secondaria o terziaria, sono ideali candidati ai test tutti coloro che sono affetti da malattie associate a stress ossidativo, quali, ad esempio, l’ipertensione arteriosa, l’aterosclerosi (con tutte le sue temibili conseguenze, quali l’infarto del miocardio e l’ictus cerebrale), il diabete mellito, le dislipidemie, la cataratta, il morbo di Crohn, la colite, la celiachia, la fibrosi cistica, le artriti, le allergie, l’asma, la bronchite cronica, l’infertilità, l’insufficienza renale, le demenze, il morbo di Parkinson, la sclerosi multipla, la sclerosi laterale amiotrofica, molte forme di tumore, etc.

Infine, dovrebbero sottoporsi alla misurazione dello stress ossidativo tutti i pazienti sottoposti a trattamenti medici o chirurgici in grado di aumentare il livello di radicali liberi e/o ridurre la disponibilità di antiossidanti, quali, ad esempio, alcune terapie farmacologiche (es. a base di contraccettivi orali, antialgici, la dialisi, la radioterapia e la chemioterapia anti-tumorale, gli interventi di rivascolarizzazione (es. stent, by-pass), i trapianti d’organo, etc.

Tutti sotto esame, almeno una volta all’anno!


QUALI SUGGERIMENTI PER CONTROLLARE LO STRESS OSSIDATIVO?

Stress Ossidativo

Alcuni semplici interventi possono aiutarti a controllare o, meglio, prevenire, lo stress ossidativo, un fattore emergente di rischio per la salute associato all’invecchiamento precoce e ad almeno un centinaio di comuni malattie.

Impegnati a seguire uno stile di vita salutare: alimentati in modo sano e corretto (scegli i cibi integrali, preferibilmente conditi con olio extravergine di oliva e cucinati in modo “sano”, assumi almeno 5 porzioni di frutta/vegetali al giorno, possibilmente di stagione e a “km zero”), svolgi una regolare attività fisica (almeno 30-40 minuti di camminata veloce ininterrotta al giorno), tieni sotto controllo il tuo peso, evita il fumo e le bevande alcoliche, concediti un sonno notturno ristoratore, combatti lo stress emotivo, cura il tuo spirito, vivi in armonia con le persone, l’ambiente e la Natura che ti circondano.

  • Cura l’ambiente in cui vivi e studi o lavori: riduci al minimo l’esposizione a qualsiasi fonte di radiazioni elettromagnetiche e a fattori inquinanti (es. fumo passivo, polveri sottili, metalli pesanti, pesticidi, materie plastiche in genere).
  • Controlla periodicamente il tuo livello di stress attraverso test semplici, precisi, affidabili e scientificamente validati, quali il d-ROMs test e il BAP test.
  • Prima di assumere integratori ad azione “antiossidante”, consulta sempre il tuo medico di fiducia, l’unico professionista abilitato a stabilirne l’effettiva necessità, la composizione e la dose adatta al tuo specifico fabbisogno.

Nessun allarmismo: per ognuno una soluzione!


www.bios-spa.itinfo@bios-spa.itredox@gruppobios.net


Iniziativa in collaborazione con l’Osservatorio Internazionale dello Stress Ossidativo – www.osservatoriostressossidativo.com/it/home

Il presente opuscolo informativo è un’iniziativa dei Laboratori BIOS SpA Roma, in collaborazione con l’Osservatorio Internazionale dello Stress Ossidativo, che ne detengono tutti i diritti, per cui ne sono vietate copia, riproduzione e commercializzazione, in qualsiasi forma, se non esplicitamente autorizzate.

Tutte le informazioni in esso contenute non sostituiscono il giudizio del medico in caso di prevenzione e cura di patologie. In ogni caso, l’autore dei testi e l’editore non rispondono dell’uso non corretto dei dati illustrati né di eventuali errori concettuali o pratici involontariamente commessi; tuttavia, essi sono disponibili ad apportare le correzioni richieste, se necessarie. è stato fatto il possibile per evitare l’uso di immagini e testi soggetti a copyright: tuttavia, eventuali incongruità segnalateci saranno immediatamente corrette.